SOCIETÀ | STORIA

La Pallavolo Molfetta muove i primi passi nel 1963 grazie alla passione di un gruppo di amici che si riunisce in luoghi di fortuna per giocare; uno dei fondatori è Nicola Solimini, che nei primissimi anni assume anche il ruolo di giocatore-allenatore.  Nel 1964 ha luogo l’affiliazione alla Fipav con la partecipazione al campionato juniores e al campionato provinciale di Prima Divisione.

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/t0_tml4366557755137_145707259093_1443860457550992.jpg
Nicola Solimini, fra i fondatori della Pallavolo Molfetta.

Con gli anni settanta arrivano le prime soddisfazioni: al gruppo presente fino ad allora, rappresentato da Gino Spaccavento e Ledo D’Elia, ne succede un altro altrettanto forte e importante, composto da Sergio Petronelli, Franco De Florio, Domenico Carbonara, Michele D’Angella e Ubaldo Simone, che scrivono un’importante fetta di storia societaria, portando la stessa dalla Prima Divisione alla Serie B2.

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/m0_tml4366557755137_386225427669_1443860856720887.jpg
1977 - Pallavolo Molfetta va in Serie D (foto di Franco de Florio)

 

La squadra esprime giovani talenti come Vito AvellisRoberto Sasso e Nico Palumbo, con la soddisfazione, per gli ultimi due, della convocazione in Nazionale juniores.

Gli anni novanta sono caratterizzati dalle promozioni nei campionati di Serie B2 e Serie B1, ma è nei primi anni del nuovo millennio che inizia a farsi strada il pensiero stupendo della Serie A.

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/m0_tml4366557755137_248786474197_1443863490529979.jpg
Gennaio 1998 - Uno scorcio del pubblico molfettese al Pala Panunzio (foto di Nicola Solimini)

 

Nel 2002/2003, dopo cinque stagioni in B1, Molfetta mette su una squadra quasi perfetta sotto la guida di Pino Lorizio. È l’anno buono per l’approdo in Serie A: decisive si rivelano le finali contro Isernia, grazie anche alle prestazioni di Alessandro Lorenzoni, Filippo Arcidiacono e Bruno De Mori.

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/m0_tml4366557755137_523664381141_1443863153122102.jpg
Molfetta-Vibo Valentia - Serie A2 2002-2003 (foto di Nicola Solimini)

 

Gli anni successivi vedono la Pallavolo Molfetta ben comportarsi nei campionati di B. Fra stagioni più che dignitose e playoff promozione, Final Four di Coppa Italia disputate e ben affrontate, una tappa storica è, nell’estate del 2008, la fusione tra Indeco Ragno e Infoclip Molfetta, due realtà nate dalle ceneri dell’esperienza di A2.

 

Nel 2010-11, la Pallavolo Molfetta ritorna in Serie A grazie a una meritatissima promozione, arrivata ai playoff contro il Bassano. Pino Lorizio viene confermato in panchina e la stagione 2011-2012 è quella dei record e della storia biancorossa. A Molfetta arrivano giocatori del calibro di Uchikov, Botti e Mattioli oltre a una vera e propria scoperta: dal Bahrein Jasim Al Nabhan, che regala spettacolo con le sue imprendibili pipe. La salvezza arriva molto presto insieme ad altre, meritate soddisfazioni: accesso alla Final Four di Coppa Italia, terzo posto in classifica al termine della regular season e finale playoff contro Castellana Grotte.

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/m0_tml4366557755137_317505950933_1443864196982467.jpg
23 Maggio 2012 - La Pallavolo Molfetta torna in A2 e arriva in finale PlayOff contro Castellana G.
(foto M.Rana)

 

Passa un anno e la storia si arricchisce di un altro capitolo da sogno. La squadra è rinnovata, in panchina arriva Juan Manuel Cichello, argentino. Segni particolari: vice di Julio Velasco sulla panchina dell’Iran. Restano Emilano Giglioli e Francesco Del Vecchio, arrivano Davide Saitta, Kay Van Dijk, il capitano è Alessandro Giosa. Il girone d’andata termina al quarto posto, che vuol dire semifinale di Coppa Italia contro Città di Castello. Il sogno di arrivare in finale si infrange contro quelli che poi saranno i vincitori del campionato. Nel frattempo, cambio di naming per la società, che dagli inizi di dicembre si chiama Exprivia Pallavolo Molfetta, rafforzando la partnership con una delle migliori aziende italiane e mondiali nel campo dell’Information Technology. Il girone di ritorno è superlativo: si chiude al secondo posto in campionato, si va ai playoff. A dare man forte alla squadra arriva anche il martello francese Ludovic Castard. In sei gare vinciamo noi, si disse. Detto, fatto: si chiude in fretta contro Reggio Emilia, si giocano due semifinali strepitose contro Corigliano, l’Exprivia mostra il suo vero carattere ed è nuovamente in finale, come l’anno precedente. Di fronte c’è Padova. Si vola in A1.

 

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/m0_tml4366557755137_42628043989_1443864961496850.jpg
1/5/2013 - Exprivia Molfetta batte Padova 3-1 e vola per la prima volta in A1 (foto F.Carlucci)

 

Chi pensa che l’Exprivia Molfetta non abbia i mezzi per fare bella figura anche con i giganti del volley mondiale sbaglia di grosso. La stagione 2013-14 è quasi un test per la società. Arriva Giulio Sabbi, opposto che farà impazzire i tifosi molfettesi, resta Saitta, al centro torna Marco Piscopo, vecchia conoscenza molfettese, e con lui arriva il promettente Daniele Mazzone, già nell’orbita della Nazionale maggiore. Il brasiliano Zanuto e l’esperto Cristian Casoli sono i laterali titolari, nel ruolo di libero ecco Andrea Cesarini. La squadra si ritaglia importanti soddisfazioni, come le vittorie contro Cuneo e Modena, Verona e Ravenna. Si classifica al decimo posto e riscuote i primi applausi degli addetti ai lavori.

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/m0_tml4366557755137_162887128277_144446812962900.jpg
La vittoria contro Modena al PalaPoli (foto Pischettola)

 

Siamo nell’anno del cinquantenario della sua affiliazione alla Fipav, ma la società si ritrova a viverlo senza uno sei suoi principali punti di riferimento. Dirigenti, giocatori e tifosi, infatti, piangono la scomparsa di Nicola Solimini, vero e proprio padre fondatore del club, maestro di sport e di vita, amatissimo dai giovani a cui non a caso aveva deciso di dedicare gran parte del suo tempo. È soprattutto in suo onore che la società prende la rincorsa verso una stagione che, di lì a poco, avrebbe regalato emozioni a non finire.

 

La stagione 2014/2015 inizia con l’arrivo in panchina di Vincenzo Di Pinto al posto di Cichello. La società rinnova la squadra, ingaggiando i centrali Elia Bossi e Davide Candellaro, i laterali Alen Sket e Sergio Noda Blanco, il libero Romiti. La diagonale è composta da Tsimafei Zhukouski e Wytze Kooistra, almeno in un primo momento. Perché ben presto situazioni contingenti e scelte di mercato spingono a Molfetta Raydel Hierrezuelo, palleggiatore cubano che con la maglia della Nazionale aveva regalato magie solo qualche anno prima, e Maurice Torres, opposto portoricano che in estate aveva piegato l’Italia al Mondiale.

 

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/m0_tml4366557755137_403405296853_1444468361594133.jpg
L'esultanza, divenuta storica, di Raydel Hierrezuelo al termine di Molfetta-Trento 3-2 (foto Fascilla)

 

Una partita dopo l’altra, prima sfumato, poi sempre più nitido, si materializza il sogno che in pochi pensavano di vivere: i playoff scudetto. Un PalaPoli incandescente, spinto dall’inimitabile sostegno della tifoseria organizzata (“I Fedelissimi”), assiste alle vittorie storiche contro Macerata, campione d’Italia in carica, e Trento, campione di tutto qualche stagione addietro. Molfetta lotta contro tutti, supera anche Ravenna e Piacenza, chiude ottava la regular season e si qualifica per i playoff scudetto. Contro Trento gara 1 non ha storia, ma gara 2 si chiude a un centimetro da una vittoria che avrebbe sovvertito impressioni e pronostici.

https://slyvi-tstorage.s3.amazonaws.com/m0_tml4366557755137_128527389909_1444468905524447.jpg
Alcuni scatti della gara di Playoff Scudetto contro Trento (foto Fascilla)

 

Un campionato di grandissime soddisfazioni, insomma, che è preludio di nuove, importanti sfide. Chiusa una magica annata, infatti, è tutto pronto per un nuovo capitolo di questa fantastica storia.

All’inizio della stagione 2015/2016 il nuovo allenatore è Flavio Gulinelli; fra gli atleti, sono confermati Hierrezuelo, Davide Candellaro, capitan Del Vecchio e Porcelli. Neo arrivati invece l’opposto cubano Fernando HernandezRandazzo, Fedrizzi, Barone, Joao Rafael, il libero Daniele De Pandis, insieme ai giovani Spadavecchia e Mariella. Una squadra destinata a lasciare il segno, nonostante il valzer in panchina: Gulinelli verrà sostituito da Paolo Montagnani per qualche mese al quale poi subentrerà, da febbraio 2016, nuovamente Vincenzo Di Pinto. Complessivamente l’Exprivia ottiene in campionato vittorie esaltanti contro formazioni del calibro di Trento, Perugia, Milano, Verona, Padova e Latina che valgono    il sesto posto in regular season, posizionamento storico per una formazione del Sud Italia, un record battuto solo nella stagione sportiva 2020/2021 da Vibo Valentia. In Coppa Italia l’eliminazione ad opera di Trento arriva solo a causa del quoziente set/punti, ma la sfida contro i gialloblù è solo rinviata: ai Quarti di Finale Playoff Scudetto, l’Exprivia porta a gara-5 Trento ed è a un passo dall’essere fra le prime quattro d’Italia: i biancorossi vengono eliminati dopo un match indimenticabile e che vede i trentini passare il turno grazie alle doti tecniche di giocatori come Giannelli, Kaziyski, Djuric e Urnaut.

 

Nella foto (Trabalza) un attacco di Hernandez in gara-1 Playoff Scudetto fra Trento e Molfetta

 

Il 2016-17 è l'ultima parentesi dell'Exprivia Molfetta nel massimo campionato nazionale. Al timone dei biancorossi c’è Vincenzo Di Pinto, sostituito a novembre da Flavio Gulinelli. A Molfetta ritorna Giulio Sabbi, ed è proprio una giocata dell’opposto romano a regalare una grande gioia al PalaPoli, la vittoria contro Modena. Rispetto all’anno precedente, restano in maglia biancorossa Joao Rafael, capitan Del Vecchio e i liberi De Pandis e Porcelli. Rinnovato il parco dei palleggiatori con il regista brasiliano Thiaguinho e Partenio. Ad affiancare Joao Rafael si alternano Olteanu e Jimenez, primo cubano a militare nel campionato italiano con l’autorizzazione della federazione cubana. Al centro trovano posto i giovani azzurrini Polo, Vitelli e Di Martino, assieme a Maicon Leite. Hendriks è il secondo opposto. La Pallavolo Molfetta chiuderà la stagione al decimo posto, con nove vittorie all’attivo. La stagione terminerà nella serie contro Monza, valevole per i Playoff Challenge, con i brianzoli vittoriosi sui biancorossi. La stagione è particolarmente florida per il settore giovanile: una compagine di atleti cresciuti nel vivaio affronta il campionato di serie C e ben si comporta alla Junior League, disputatasi a Castellana Grotte, nella primavera 2017.

 

 

Nella stagione successiva 2017/18, la Pallavolo Molfetta riparte dalla serie C regionale con una rosa giovanissima, quasi tutta composta da atleti provenienti dal florido settore giovanile che, nei precedenti anni, ha disputato importanti fasi finali provinciali e regionali. Allenati da Vito Avellis, i biancorossi chiudono il campionato al terzo posto, ma nei playoff incontrano l’Alliste, uno dei team accreditati per il salto di categoria, e sono eliminati dalla corsa alla serie B, ma l’annata può dirsi positiva per la crescita dei numerosi ragazzi molfettesi.

 

 

 

Ancora un’annata importante in serie C per la Pallavolo Molfetta nella stagione 2018-19. Sesti al termine del girone di andata, i ragazzi allenati da Francesco Valente, compiono un’importante rimonta nella seconda metà del torneo, giungendo al quarto posto finale che vale la qualificazione alla fase finale del campionato. In questo post-season, capitan Pisani e compagni danno il meglio di loro: da “peggiori” classificati rispetto agli altri team, nella pool, i biancorossi ritrovano il Grottaglie, primo al termine della regular season nel girone dei molfettesi, mentre dall’altro girone pescano Martina e Gravina. Capitan Pisani e compagni giungono secondi, alle spalle del Martina poi promosso in serie B. Questo risultato vale la sfida contro Turi, che batte i biancorossi e conquista il pass per la serie B. La Pallavolo Molfetta cresce tanto nell’arco della stagione, segnale di qualcosa di bello nell’aria.

 

 

 

Nella stagione 2019-20, il protagonista del campionato è lil virus che ha scatenato una pandemia mondiale. Ma la Pallavolo Molfetta, prima dello stop del campionato, non conosce sconfitta. Primi a punteggio pieno nella serie C maschile, i ragazzi allenati da mister Sportelli, si qualificano anche per Final Four di Coppa Puglia, la cui organizzazione è affidata alla Pallavolo Molfetta. In regia ci sono Bernardi e Campanale, mentre come opposti ecco Fiorillo e Ruggiero. I laterali dei biancorossi sono Andriano, Lorusso, Ciccia e Poli, mentre al centro si alternano Pisani, Allegretta, de Benedictis e Tritto. I liberi sono Porcelli, di ritorno in maglia biancorossa, e D’Alto. La Pallavolo Molfetta chiude il proprio campionato a fine febbraio, con lo scoppio della pandemia: tredici gare, tredici vittorie da tre punti per 39 punti in classifica e solo sei set incassati. Un risultato importantissimo che vale il primo posto nelle promozione decise dalla FIPAV. La Pallavolo Molfetta ritorna in un campionato nazionale, i biancorossi, a giugno 2020, sono promossi in serie B.

Serie C1 Nazionale(1980)da sx in piedi: Corrado Minervini(2^Allen.), Leonardo De Giglio, Ubaldo Simone, Vito Avellis, Mimmo D'Urso, Roberto Sasso, Mario Martino, Domenico Carbonara, Gino Spaccavento(Allen.); da sx accovacciati: Michele Valente, Dino Fiorella, Franco de Florio, Mauro Gadaleta, Donato Panunzio, Pansini(dirigente).
1981 SERIE C NAZIONALE "S.I.E. ASCENSORI". In piedi da sx: Pansini (dirigente), d'Elia (dirigente), Sasso, Pisani, Carbonara, de Robertis, Palumbo, Valente, Pansini (dirigente, ex giocatore), Solimini (dirigente), Spaccavento (allenatore), Mastromauro (dirigente). Accosciati da sx: D'Urso, Gadaleta, D'Angella, Minervini, de Florio, Sciancalepore (dirigente), Scalera (dirigente).
1982 SERIE C NAZIONALE "SUPER BOY'S". In piedi da sx: De Robertis, Sasso, Carbonara, tit.azienda Super Boy's, Palumbo, Petronelli, D'Urso; accosciati: Avellis, Minervini, Gadaleta, Valente, Pisani, de Florio
1983 SERIE C NAZIONALE "SUPER BOY'S": in piedi da sx: de Florio, Sasso, Pisani, Carbonara; accosciati da sx: Gigotti, Avellis, Valente, Panunzio.
1986 SERIE C1 NAZIONALE AVIS LIAN MOLFETTA: dal secondo da sx: Spaccavento (All.), Solimini (dirigente), Alessandrini, Pisani, de Florio, Lo Basso, Magarelli (dirigente), Carbonara, Gadaleta (Presidente), Pansini (dirigente). Seduti da sx: Lusito, Corrieri, Ruggiero, de Gennaro, Avellis, Valente, Scalera (dirigente).
SERIE B2 1993/1994. Da sinistra in piedi: D'Angella (dirig.), de Florio (All.), Rana, de Vincenzo, Alessandrini, Lo Basso, Farinola, de Pinto, Gadaleta (Presidente).Accosciati da sx: Tasselli (dirigente), Gadaleta, de Gennaro, Avellis, Corrieri, Ruggiero, Solimini (Dirigente), Giancaspro.
B2 GROSSANO MOLFETTA 1995/1995. In piedi da sx: Gadaleta (Pres), Pisani (Dir.Sport.), Alessandrini (dirigente), de Vincenzo, Palumbo, Farinola, Sancilio, Lo Basso, Spaccavento (All.); accosciati da sx: Avellis, Giancaspro, de Pinto, Ruggiero, de Pietro.
B2 1996/1997. In piedi da sx: Solimini (dirig.), de Lillo (dirig.), Spaccavento (All.), Avellis (2^All.), Piccoli, Pepe, Giancaspro, Abbattista, Mongelli, Alessandrini (dirig.), Pisani (dirig.), Errede, Gadaleta (Pres.), Giancaspro (dirig.), Accosciati da sx: de Pinto, Ardito, Farinola, Sancilio, de Palo, Pappagallo.
PALLAVOLO MOLFETTA 2008-2009. In piedi da sx: Angelo Pisani (Fisiot.), Antonio Costantini, Gabriel Kunda, Ignazio Mezzina (dirig.), Vito Avellis (2 all.), Nico Palumbo (All.), Nico de Robertis (dirig.), Michele Ripa, Bruno de Mori, Beppe Fabiano, Lillo de Pinto (scoutman), Fulvio de Pinto (prep. atletico). Seduti da sx: Claudio Bonati, Dario Carelli. Andrea Masini, Gianni la Gioia (L), Salvo Scolaro (L), Giuseppe Mazzarelli, Marcello Bruno, Emanuele Di Iorio
SERIE B1 2009/2010 PALLAVOLO MOLFETTA. In piedi da sx: Poli (acc.), de Pinto (2^All.), Lotito, Usai, Cortina, Kunda, Illuzzi, Lorenzoni(All.), Valente, Giglioli, Pisani(mass.), de Nicolo (dir. Sport.); Seduti da sx: Sciannamea (speaker), Segnalini, Marchiani, Roberti, de Pinto (prep.atl.), Carelli, Carbonara, Antonaci, de Robertis (scoutman)
SERIE B1 2010-2011.Da sx in piedi: Squeo, Rau, de Luca, Draghici, Bacca, Valente. Seduti da sx: Del Vecchio, Dibello, Caputo, Lorizio (All.), Volpicella (2^All.), Bisci, Parisi, Piccioni.
EXPRIVIA MOLFETTA SERIE A2. 2011-2012 In piedi da sx: Al-Nabhan, Illuzzi, La Forgia, Alomia, Uchikov, Botti, Giglioli, Mattioli, Roberti, Del Vecchio. Seduti da sx: Caputo, Bacci, Pisani (mass.), Tomasicchio (scoutman), Lorizio (All.), Fabiano (2^all.), Poli, Bisci.
2012/2013 EXPRIVIA MOLFETTA SERIE A2. In piedi da sx: Tomasicchio (scoutman), Giglioli, Morelli, Ippolito, Van Dijk, Giosa, Verhanemann, Mattei, de Pinto (prep.atl.); seduti da sx: Antonaci, Tamborra, Saitta, Pisani (mass.), Cichello (All.), Avellis (2^All.), Aprea, Del Vecchio, Rizzo.
2013/2014 EXPRIVIA MOLFETTA SERIE A1. In piedi da sx: de Gennaro (prep.atl.), Cichello (All.), Zanuto, Diamantini, Mazzone, Piscopo, Sabbi, Fornes, D'Amico (2^All.), Pisani (Mass.). Seduti da sx: Izzo, Saitta, Cesarini, Casoli, Porcelli, Del Vecchio, Jurquin D.
2014/2015 EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA SERIE A1. In piedi da sx: de Gennaro (Prep.Atl.), Candellaro, Blagojevic, Bossi, Sket, Piscopo, Torres, Jurquin D., Michelucci, Pisani (Mass.). Seduti da sx: Romiti, Del Vecchio, Hierrezuelo, D'Amico (2-All.), Di Pinto (All.), Zappimbulso (Scoutman), Noda Blanco, Spirito, Porcelli. Presenti nel roster anche Kooistra e Puliti.
2015/2016 EXPRIVIA MOLFETTA SERIE A1. In piedi da sx: de Gennaro (Prep.Atl.), Mariella, Kaczinski, Candellaro, Spadavecchia, Barone, Fedrizzi, Hernandez, Pisani (Mass.). Seduti da sx.: Porcelli, Del Vecchio, Hierrezuelo, Di Pinto A. (2^All.), Di Pinto V. (All.), Zappimbulso (Scoutman), Joao Rafael, Mustedanovic, de Pandis.
2016/17 EXPRIVIA MOLFETTA SUPERLEGA. In piedi da sx: Partenio, Jimenez, Hendriks, Sabbi, Vitelli, Polo, Olteanu, Di Martino, Joao Rafael- Seduti da sx: Porcelli, Del Vecchio, Pisani (Mass.), Castellaneta (2^All), Gulinelli (All.), Zappimbulso (sc.), Thiaguinho, De Pandis
2018/2019 - PALLAVOLO MOLFETTA
2019/2020 - PALLAVOLO MOLFETTA
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di PallavoloMolfetta.it Ulteriori informazioni